Viaggio in Europa
La guida turistica on-line per
la tua vacanza in Europa
iscriviti alla newsletter

Sei qui > Viaggioineuropa > Olanda > Amsterdam > Musei: il museo Van Gogh

 
Ricerca in Viaggioineuropa




Il Museo Van Gogh

Un adorabile genio

Dal 1973, l’artista più amato del mondo ha un museo tutto suo. Qui sono esposti circa 230 dipinti, 500 disegni e più di 600 lettere scritte al fratello Theo. Il museo ha tre piani di esposizione. Il primo ospita una serie di dipinti dell’Ottocento da cui Van Gogh trasse spunto; al secondo piano ci sono i dipinti dell’artista, raccolti in una collezione divisa in cinque periodi che illustrano il suo sviluppo psicologico e artistico in ordine cronologico: Olanda, Parigi, Arles, Saint- Rémy e Auvers-sur-Oise. Il terzo piano raccoglie le opere di amici e contemporanei dell’artista, compresi Toulouse-Lautrec, Gauguin, Monet e Pissarro, e una ricca biblioteca.

Primo piano: l’ispirazione
In questa sezione sono esposti dipinti della scuola tradizionale dell’Ottocento, che contrastano con le prime correnti degli Impressionisti e del Puntinismo. I panorami di Goustave Courbet e Anton Chantreuil, il ritratto erotico Phyrne di Boulanger, e perfino alcune nature morte dello stesso Van Gogh, come ad indicare che la anche la sua arte poteva essere inserita nel proprio tempo.

Secondo piano: i cinque periodi

Olanda (1880 – 1885)
Nato nel 1853, Van Gogh inizia a dipingere a 27 anni. Di questo periodo sono le scene quotidiane dell’ambiente in cui viveva: Veduta del mare a Scheveningen (1882), e, nel 1885, Natura morta con bottiglie di terracotta, Donne che avvolgono il filato e il suo primo capolavoro, I Mangiatori di patate, che illustra una famiglia di contadini a cena dopo una giornata di lavoro. L’opera trasmette l’angoscia per la durezza delle loro condizioni di vita, e rappresenta un punto di rottura con la bellezza e la serenità della pittura olandese precedente. Van Gogh ne era molto orgoglioso, ma la schiettezza e il realismo che ne scaturivano non piacquero ai suoi contemporanei.

Parigi (1886 – 1888)
Nel 1886, Van Gogh si trasferisce a Parigi dal fratello Theo, da cui dipendeva economicamente, e inizia per lui un periodo fecondo: conosce molti artisti, tra cui Gauguin. Qui si dedica all’Impressionismo e la sua pittura si arricchisce e diventa densa, spessa, brillante. Di questo periodo sono le vedute della città (Montmartre, in particolare), la Cortigiana e il Ponte dopo la pioggia, Autoritratto con cappello di paglia e Fiori in un vaso.

Arles (1888 – 1889)
Questo è il Van Gogh famoso nel mondo. Nel paesaggio caldo e assolato del sud della Francia, Van Gogh crea molti capolavori che interrompono i toni scuri dei periodi precedenti. Qui scopre la violenza dei colori accesi, primo fra tutti il giallo, che per lui è il simbolo dell’amore, e poi il rosso e il verde, simboli delle passioni umane, di Caffè di notte. Tra gli altri, di questo periodo sono Autoritratto, Campo di grano, Alberi in fiore ad Arles, la Camera da letto e il celebre I Girasoli.

Saint- Rémy (1889 - 1890)
In questo periodo Van Gogh litiga con Gauguin e si mutila un orecchio: da lì inizia una spirale di follia che lo porta al ricovero in una clinica di malattie mentali. La depressione alterna gioia e dolore. Nei giorni felici dipinge paesaggi vividi e sereni come i famosi Iris e i Mandorli in fiore, mentre in quelli più bui, si ispira a soggetti tristi come la Pietà e la Resurrezione di Lazzaro.

Auvers-sur-Oise (1890)
Nel suo ultimo anno di vita, Van Gogh sembra guarito e si trasferisce in questo villaggio nei pressi di Parigi. Ma qui la sua malattia peggiora, e dipinge tormentati quadri astratti come Radici d’albero e panorami foschi, come Campo di grano sotto le nubi temporalesche e Campo di grano con corvi, l’ultima opera prima del suicidio a 37 anni, avvenuto si dice proprio in quel campo.

Terzo piano: gli amici e i contemporanei
Qui trovate opere minori dell’artista, incisioni illustrate dell’Ottocento, xilografie giapponesi e una collezione di dipinti di Monet, Pissarro, Gauguin e Cézanne, Corot e Bernard. Ci sono anche una biblioteca e dei computer collegati al sito web del museo.

Informazioni per la visita

Come arrivare al Museo Van Gogh
Il Museo di Van Gogh si trova in Paulus Potterstraat al numero 7 del Museumplein, la Piazza dei Musei. Tel. +31 020 5705291. Si raggiunge con le linee 2, 3, 5, 12, 16 e 20 del tram e fa parte dell’itinerario del Battello dei Musei. Le code alla biglietteria sono molto lunghe, specialmente d’estate; per visitare il museo con calma, dovete calcolare dalle due alle quattro ore, perciò vi conviene andarci di mattina durante la settimana.

Orari e tariffe
Il museo è aperto tutto l’anno tranne a Capodanno, dalle 10 alle 18 e di venerdì fino alle 22. Gli adulti pagano 10 €, i ragazzi da 13 a 17 anni 2,50 €, e i bambini fino a 12 anni entrano gratis. All’ingresso potete chiedere informazioni per le visite guidate, le presentazioni e i walkman in italiano.

La newsletter di Viaggioineuropa

Per essere informato sulla pubblicazione delle nuove pagine iscriviti alla nostra newsletter gratuita dedicata a chi ama viaggiare e conoscere l'Europa. Ogni 15 giorni, direttamente nella tua email, gli itinerari più belli e i consigli migliori per organizzare viaggi, week end e vacanze nei paesi europei.

 
 
Ci trovi anche su
      
 
La newsletter di VIAGGIOINEUROPA.IT: tutte le informazioni per viaggiare direttamente sulla tua e-mail

Per segnalarci notizie, refusi o per inviarci i tuoi diari di viaggio contatta qui
la REDAZIONE di Viaggioineuropa.it

Viaggioineuropa

VIAGGIOINEUROPA:
la Guida turistica on-line che ti dà tutte le informazioni
utili per organizzare le tue vacanze.

Per fare pubblicità su Viaggioineuropa.it - © 2014 Viaggioineuropa.it -
Tutti i contenuti di questo sito sono proprietà letteraria riservata  e protetti dal diritto di autore. Per le condizioni di utilizzo leggete questa pagina.

Clicky Web Analytics